Discussione:
Disney Forbidding Distribution of Film That Criticizes Bush
(troppo vecchio per rispondere)
AP
2004-05-07 05:40:15 UTC
Permalink
May 5, 2004

By JIM RUTENBERG

New York Times
http://www.nytimes.com/2004/05/05/national/05DISN.html?
hp

WASHINGTON, May 4 - The Walt Disney Company is blocking
its Miramax division from distributing a new
documentary by Michael Moore that harshly criticizes
President Bush, executives at both Disney and Miramax
said Tuesday.

The film, "Fahrenheit 911," links Mr. Bush and
prominent Saudis - including the family of Osama bin
Laden - and criticizes Mr. Bush's actions before and
after the Sept. 11 terrorist attacks.

Disney, which bought Miramax more than a decade ago,
has a contractual agreement with the Miramax
principals, Bob and Harvey Weinstein, allowing it to
prevent the company from distributing films under
certain circumstances, like an excessive budget or an
NC-17 rating.

Executives at Miramax, who became principal investors
in Mr. Moore's project last spring, do not believe that
this is one of those cases, people involved in the
production of the film said. If a compromise is not
reached, these people said, the matter could go to
mediation, though neither side is said to want to
travel that route.

In a statement, Matthew Hiltzik, a spokesman for
Miramax, said: "We're discussing the issue with Disney.
We're looking at all of our options and look forward to
resolving this amicably."

But Disney executives indicated that they would not
budge from their position forbidding Miramax to be the
distributor of the film in North America. Overseas
rights have been sold to a number of companies,
executives said.

"We advised both the agent and Miramax in May of 2003
that the film would not be distributed by Miramax,"
said Zenia Mucha, a company spokeswoman, referring to
Mr. Moore's agent. "That decision stands."

Disney came under heavy criticism from conservatives
last May after the disclosure that Miramax had agreed
to finance the film when Icon Productions, Mel Gibson's
company, backed out.

Mr. Moore's agent, Ari Emanuel, said Michael D. Eisner,
Disney's chief executive, asked him last spring to pull
out of the deal with Miramax. Mr. Emanuel said Mr.
Eisner expressed particular concern that it would
endanger tax breaks Disney receives for its theme park,
hotels and other ventures in Florida, where Mr. Bush's
brother, Jeb, is governor.

"Michael Eisner asked me not to sell this movie to
Harvey Weinstein; that doesn't mean I listened to him,"
Mr. Emanuel said. "He definitely indicated there were
tax incentives he was getting for the Disney
corporation and that's why he didn't want me to sell it
to Miramax. He didn't want a Disney company involved."

Disney executives deny that accusation, though they
said their displeasure over the deal was made clear to
Miramax and Mr. Emanuel.

A senior Disney executive elaborated that the company
had the right to quash Miramax's distribution of films
if it deemed their distribution to be against the
interests of the company. The executive said Mr.
Moore's film is deemed to be against Disney's interests
not because of the company's business dealings with the
government but because Disney caters to families of all
political stripes and believes Mr. Moore's film, which
does not have a release date, could alienate many.

"It's not in the interest of any major corporation to
be dragged into a highly charged partisan political
battle," this executive said.

Miramax is free to seek another distributor in North
America, but such a deal would force it to share
profits and be a blow to Harvey Weinstein, a big donor
to Democrats.

Mr. Moore, who will present the film at the Cannes film
festival this month, criticized Disney's decision in an
interview on Tuesday, saying, "At some point the
question has to be asked, `Should this be happening in
a free and open society where the monied interests
essentially call the shots regarding the information
that the public is allowed to see?' "

Mr. Moore's films, like "Roger and Me" and "Bowling for
Columbine," are often a political lightning rod, as Mr.
Moore sets out to skewer what he says are the misguided
priorities of conservatives and big business. They have
also often performed well at the box office. His most
recent movie, "Bowling for Columbine," took in about
$22 million in North America for United Artists. His
books, like "Stupid White Men," a jeremiad against the
Bush administration that has sold more than a million
copies, have also been lucrative.

Mr. Moore does not disagree that "Fahrenheit 911" is
highly charged, but he took issue with the description
of it as partisan. "If this is partisan in any way it
is partisan on the side of the poor and working people
in this country who provide fodder for this war
machine," he said.

Mr. Moore said the film describes financial connections
between the Bush family and its associates and
prominent Saudi Arabian families that go back three
decades. He said it closely explores the government's
role in the evacuation of relatives of Mr. bin Laden
from the United States immediately after the 2001
attacks. The film includes comments from American
soldiers on the ground in Iraq expressing
disillusionment with the war, he said.

Mr. Moore once planned to produce the film with Mr.
Gibson's company, but "the project wasn't right for
Icon," said Alan Nierob, an Icon spokesman, adding that
the decision had nothing to do with politics.

Miramax stepped in immediately. The company had
distributed Mr. Moore's 1997 film, "The Big One." In
return for providing most of the new film's $6 million
budget, Miramax was positioned to distribute it.

While Disney's objections were made clear early on, one
executive said the Miramax leadership hoped it would be
able to prevail upon Disney to sign off on
distribution, which would ideally happen this summer,
before the election and when political interest is
high.
Matteo L.
2004-05-07 08:52:44 UTC
Permalink
Post by AP
Mr. Moore, who will present the film at the Cannes film
festival this month, criticized Disney's decision in an
interview on Tuesday, saying, "At some point the
question has to be asked, `Should this be happening in
a free and open society where the monied interests
essentially call the shots regarding the information
that the public is allowed to see?' "
e quel che mi chiedo io e': lo vedremo mai qui in italia, dove al posto
di "the monied interests" abbiamo "the prime minister interests"?
--
Matteo L. - for mailbox messages sum 36 + 36
Frozen warnings close to mine
Close to the frozen borderline
Vincenzo Beretta
2004-05-07 12:11:44 UTC
Permalink
Post by Matteo L.
e quel che mi chiedo io e': lo vedremo mai qui in italia, dove al posto
di "the monied interests" abbiamo "the prime minister interests"?
Tutt'al piu' troveremo il DVD in edicola, come nel caso di "Citizen
Berlusconi".
Nicola de Angeli
2004-05-07 13:37:54 UTC
Permalink
On Fri, 7 May 2004 14:11:44 +0200, "Vincenzo Beretta"
Post by Vincenzo Beretta
Post by Matteo L.
e quel che mi chiedo io e': lo vedremo mai qui in italia, dove al posto
di "the monied interests" abbiamo "the prime minister interests"?
Tutt'al piu' troveremo il DVD in edicola, come nel caso di "Citizen
Berlusconi".
L'ho visto, finalmente.

E' una cosa stile "Bowling a Columbine", ovvero un atto di accusa a
senso unico nei confronti della "vittima" designata.
Quello che piu' mi ha colpito (oltre al pessimo audio, ma questa e'
una considerazione tecnica) e' la totale acriticita' con la quale
vengono presentati fatti e situazioni: i giornalisti del sindacato
della RAI che lamentano il fatto che, da quando B. e' al governo, la
RAI ha perso terreno mentre le azioni Mediaset "sono schizzate alle
stelle" (basterebbe controllare l'andamento delle azioni su Yahoo
Finance, ad esempio, per vedere che non e' assolutamente cosi', anzi
e' vero il contrario - e questo fatto dovrebbe essere controllato da
una Rete immagino seria come PBS); il giornalista Marco Travaglio,
presentato come uno dei piu' affermati e accreditati giornalisti
italiani, che arringa la folla fuori dal Tribunale in occasione del
processo a Berlusconi; l'unica voce fuori del coro, quella del giovane
deputato di Forza Italia, che viene utilizzata come spunto per una
considerazione psico-sociologica immediatamente dopo ("questo e' il
modo in cui ragionano le menti manipolate da B."), l'intervento del
direttore del TG5 Mentana che in pratica non dice nulla di
interessante (mentre la domanda provocatoria che gli si poteva fare,
sulla correttezza delle informazioni fornite dalle reti Mediaset,
sarebbe stata decisamente interessante, dato che era *di quello* che
si stava parlando), musica in stile siciliano (lo scacciapensieri...)
in sottofondo sulle immagini di B., e cosi' via.

E' poi interessante notare come si sia detto che il documentario
proviene da una seria rete televisiva USA, come dire: questi qui
vedono le cose in modo obiettivo, non sono influenzati dalle visioni
partigiane (in tutti i sensi) nostrane: beh, basta scorrere i titoli
di coda per vedere che di persone con nomi "americani" ce ne sono ben
poche, sono quasi tutti italiani.
Oddio, saranno italo-americani...

In definitiva: un ottimo prodotto di accusa, con il grande difetto di
essere completamente e assolutamente a senso unico.

Ciao
Nicola

--

"Personalmente non penso ci sia vita intelligente su altri pianeti.
Perchè dovrebbero essere diversi dal nostro?"
Bob Monkhouse
Vincenzo Beretta
2004-05-08 10:55:17 UTC
Permalink
Post by Nicola de Angeli
In definitiva: un ottimo prodotto di accusa, con il grande difetto di
essere completamente e assolutamente a senso unico.
Lo vedro' anch'io, ma se e' cosi' e' davvero un peccato. Un documentario sul
"fenomeno Berlusconi" visto con occhi esterni sarebbe davvero interessante -
con un analisi di tutti i pro e i contro. Il "Times" di Londra, per esempio,
spesso sottolinea come difficilmente ci sarebbe il "Berlusconi" che
conosciamo se in Italia esistesse un'opposizione reale, oltre a notare
regolarmente come non tutto quello che fa il "Signor Berlusconi" e'
necessariamente di ispirazione demoniaca (non cercare queste osservazioni
nei messaggi che propagandano "la condanna di Berlusconi nella stampa
internazionale :o) )

Qualche giorno fa leggevo lo "Stato del Mondo 2004", l'annuario geopolitico
della Hoepli. Italia: articolo monografico contro le attivita' di Berlusconi
nel 2003 (non del governo, eh? nota). Poi vai a leggere altrove, e scopri
che nello stesso periodo il nostro paese, per dirne una, e' stato tra quelli
che hanno fatto di piu' per aiutare i paesi in via di sviluppo: intervento
diplomatico positivo in Sudan, cancellazione del debito esistente tra Italia
e svariati paesi africani, investimenti... Chissa', magari nelle attivita'
italiane del 2003 ci interessava leggere anche questo.
Nicola de Angeli
2004-05-08 15:10:57 UTC
Permalink
On Sat, 8 May 2004 12:55:17 +0200, "Vincenzo Beretta"
Post by Vincenzo Beretta
Lo vedro' anch'io, ma se e' cosi' e' davvero un peccato.
Fammi sapere!
Post by Vincenzo Beretta
Un documentario sul
"fenomeno Berlusconi" visto con occhi esterni sarebbe davvero interessante -
con un analisi di tutti i pro e i contro.
Oltretutto ho la netta convinzione che sarebbe anche piu' efficace
come strumento elettorale per l'opposizione. CB manda sicuramente in
delirio gli anti-berlusconiani, ma, a causa della palese acriticita'
(un tizio ad un certo punto dice che alcune statistiche mostrano che
chi guarda i programmi Mediaset vota Forza Italia... !!!) non penso
possa intaccare le convinzioni degli elettori del Polo, e dubito che
anche gli indecisi si farebbero influenzare piu' di tanto.

Ciao
Nicola

--

"Personalmente non penso ci sia vita intelligente su altri pianeti.
Perchè dovrebbero essere diversi dal nostro?"
Bob Monkhouse
Moritz Benedikt
2004-05-08 12:36:07 UTC
Permalink
Post by Nicola de Angeli
In definitiva: un ottimo prodotto di accusa, con il grande difetto di
essere completamente e assolutamente a senso unico.
E chi ne dubitava?

Citami DUE libri (o altro) critici nei confronti dell'attuale Presidente del
Consiglio che tu consideri obbiettivi.


Moritz Benedikt

'Life is not short enough'
Nicola de Angeli
2004-05-08 15:14:38 UTC
Permalink
On Sat, 08 May 2004 12:36:07 GMT, "Moritz Benedikt"
Post by Moritz Benedikt
Post by Nicola de Angeli
In definitiva: un ottimo prodotto di accusa, con il grande difetto di
essere completamente e assolutamente a senso unico.
E chi ne dubitava?
Spero nessuno.
Ma un atteggiamento del genere e' vero giornalismo, secondo te?
Post by Moritz Benedikt
Citami DUE libri (o altro) critici nei confronti dell'attuale Presidente del
Consiglio che tu consideri obbiettivi.
Lo sai che io leggo Fantasy e SF... ;-)
Non conosco nel dettaglio libri che parlino di B. Ma ti assicuro,
spazio per parlare male, molto male di B. con sufficiente obiettivita'
ce n'e' a sufficienza, IMHO: quello che non mi piace sono i toni da
crociate dei vari Travaglio & Co.

In "Citizen Berlusconi" pero' c'e' una scena buffa: un giornalista
accompagna Paul Ginsborg, autore del saggio "Berlusconi. Ambizioni
patrimoniali in una democrazia mediatica" edito da Einaudi, in una
libreria, per vedere se il suo libro viene effettivamente esposto per
la vendita (l'editore e' Einaudi, nota bene).
E' effettivamente esposto e venduto.
Allora Ginsborg si lamenta per lo scarso numero di copie stampate (!),
e che comunque se lo avesse proposto in televisione, visto l'enorme
diffusione di quel media rispetto al libro, glielo avrebbero
rifiutato. Bel professorone!

Ciao
Nicola

--

"Personalmente non penso ci sia vita intelligente su altri pianeti.
Perchè dovrebbero essere diversi dal nostro?"
Bob Monkhouse
Moritz Benedikt
2004-05-08 16:25:27 UTC
Permalink
Post by Nicola de Angeli
Post by Moritz Benedikt
Citami DUE libri (o altro) critici nei confronti dell'attuale Presidente del
Consiglio che tu consideri obbiettivi.
Lo sai che io leggo Fantasy e SF... ;-)
Non conosco nel dettaglio libri che parlino di B. Ma ti assicuro,
spazio per parlare male, molto male di B. con sufficiente obiettivita'
ce n'e' a sufficienza, IMHO
Peccato che non lo faccia nessuno, eh?
Ho già parlato dell'effetto Comma-22 con cui gli elettori del Polo
considerano le critiche a B.: il diritto di critica è garantito in
democrazia e noi non abbiamo nulla contro le critiche obbiettive a B./ma se
critichi B. sei automaticamente di parte, quindi la tua critica non ha
valore/ anzi, in nome dell'obbiettività non dovresti nemmeno avere accesso
ai media, almeno quelli pubblici (per quelli privati il discorso non si pone
nemmeno: è roba sua)

Un giorno riesco a mettere alle strette un polista particolarmente arcigno
ma conoscente (quasi amico) d'antica data: gli ho chiesto di stabilire lui
su quali basi legittime e non di parte si potrebbe criticare B.
Ci ha pensato parecchio ed alla fine ha detto: B. è stato eletto con un
programma; l'opposizione dovrebbe criticarlo se non lo mette in opera.
Insomma, per non essere di parte, la critica a B. dovrebbe essere che non è
abbastanza B.


Moritz Benedikt

'Life is not short enough'
Nicola de Angeli
2004-05-08 16:33:33 UTC
Permalink
On Sat, 08 May 2004 16:25:27 GMT, "Moritz Benedikt"
Post by Moritz Benedikt
Post by Nicola de Angeli
Post by Moritz Benedikt
Citami DUE libri (o altro) critici nei confronti dell'attuale Presidente
del
Post by Nicola de Angeli
Post by Moritz Benedikt
Consiglio che tu consideri obbiettivi.
Lo sai che io leggo Fantasy e SF... ;-)
Non conosco nel dettaglio libri che parlino di B. Ma ti assicuro,
spazio per parlare male, molto male di B. con sufficiente obiettivita'
ce n'e' a sufficienza, IMHO
Peccato che non lo faccia nessuno, eh?
Come ti ripeto, di libri che parlino di B. non ne ho letti.
Post by Moritz Benedikt
Ho già parlato dell'effetto Comma-22 con cui gli elettori del Polo
considerano le critiche a B.: il diritto di critica è garantito in
democrazia e noi non abbiamo nulla contro le critiche obbiettive a B./ma se
critichi B. sei automaticamente di parte, quindi la tua critica non ha
valore/ anzi, in nome dell'obbiettività non dovresti nemmeno avere accesso
ai media, almeno quelli pubblici (per quelli privati il discorso non si pone
nemmeno: è roba sua)
Berlusconi aveva promesso di risolvere la questione del conflitto di
interessi entro un certo tempo. Cosi' non e' stato: un giornalista che
scrivesse questo fatto puro e semplice (magari aggiungendo che le
proproste avanzate sono state comunque bocciate dalla opposizione)
avrebbe il mio personale pieno appoggio. Uno che invece urlasse questa
cosa con un megafono fuori dal Tribunale, arringando la folla, magari
col sottofondo di musica siciliana (come accade in CB) susciterebbe la
mia diffidenza. Sai com'e'.
Post by Moritz Benedikt
Un giorno riesco a mettere alle strette un polista particolarmente arcigno
ma conoscente (quasi amico) d'antica data: gli ho chiesto di stabilire lui
su quali basi legittime e non di parte si potrebbe criticare B.
Ma dimmi: hai smesso poi di farti passare a tua volta per un elettore
del Polo? Con tutti gli amici forzaitalioti che hai deve essere stato
difficile...
Post by Moritz Benedikt
Ci ha pensato parecchio
Certo, i polisti sono lenti, e' risaputo.
Post by Moritz Benedikt
ed alla fine ha detto: B. è stato eletto con un
programma; l'opposizione dovrebbe criticarlo se non lo mette in opera.
Sacrosanto.
Post by Moritz Benedikt
Insomma, per non essere di parte, la critica a B. dovrebbe essere che non è
abbastanza B.
Un giorno ti rileggerai e scoprirai in te la stessa faziosita' che
imputi ai tuoi avversari.

Ciao
Nicola

--

"Personalmente non penso ci sia vita intelligente su altri pianeti.
Perchè dovrebbero essere diversi dal nostro?"
Bob Monkhouse
Moritz Benedikt
2004-05-08 17:34:31 UTC
Permalink
Post by Nicola de Angeli
Post by Moritz Benedikt
Ho già parlato dell'effetto Comma-22 con cui gli elettori del Polo
considerano le critiche a B.: il diritto di critica è garantito in
democrazia e noi non abbiamo nulla contro le critiche obbiettive a B./ma se
critichi B. sei automaticamente di parte, quindi la tua critica non ha
valore/ anzi, in nome dell'obbiettività non dovresti nemmeno avere accesso
ai media, almeno quelli pubblici (per quelli privati il discorso non si pone
nemmeno: è roba sua)
Berlusconi aveva promesso di