Discussione:
[X-View] Elephant
(troppo vecchio per rispondere)
AlisonPoole
2003-10-06 14:24:26 UTC
Permalink
Gli unici personaggi tridimensionali di questo film sono i due assassini
che una mattina vanno a scuola carichi di armi comprate in rete,
desiderosi di sterminare i loro compagni e insegnanti che per tutto il
film non vediamo che da dietro o da davanti, senza vita, figurine di un
videogioco che vanno giù senza neanche far troppo rumore.

Gus Van Sant ipnotizza mettendo in scena l'orrore che finora solo Bret
Easton Ellis aveva saputo raccontare: Gus Van Sant, che per chi non se
n'era accorto è un regista ENORME, ipnotizza mettendo in scena il vuoto,
portandoci a spasso in una scuola dove nessuno va a lezione, i corridoi
riecheggiano del vomito bulimico di chi si rende conto di avere una vita
solo quando l'ex compagno di banco scandisce una filastrocca per
decidere chi la perderà per primo.
Spaceodissey - LTT
2003-10-06 14:43:50 UTC
Permalink
Mentre leggevo sconsolato l'ultima sparata di Berlusconi, AlisonPoole disse:

A> Gli unici personaggi tridimensionali di questo film sono i due assassini
A> che una mattina vanno a scuola carichi di armi comprate in rete,
A> desiderosi di sterminare i loro compagni e insegnanti che per tutto il
A> film non vediamo che da dietro o da davanti, senza vita, figurine di un
A> videogioco che vanno giù senza neanche far troppo rumore.

Già. Però anche in un videogioco viene dato un motivo per cui si sterminano
"nemici", qui nemmeno quello.

A> Gus Van Sant ipnotizza mettendo in scena l'orrore che finora solo Bret
A> Easton Ellis aveva saputo raccontare: Gus Van Sant, che per chi non se
A> n'era accorto è un regista ENORME,

Non me ne ero accorto, e non me ne sono accorto vedendo Elephant. Scusami ma
la regia non mi è sembrata niente di che. Piani sequenza lunghissimi,
telecamera che segue i personaggi come, prima, aveva già fatto Kubrick. Tra
l'altro quella scena che viene ripetuta 3 volte (i due ragazzi che si
incontrano e si salutano in corridoio) è stata girata 3 volte. Un grande
regista l'avrebbe girata una volta sola: qui non è possibile. Van Sant non
fa altro che fare una (blanda) critica al modo di vivere americano, a questo
punto meglio "American beauty" e molto meglio "Ken park".

A> ipnotizza mettendo in scena il vuoto, portandoci a spasso in una scuola
A> dove nessuno va a lezione, i corridoi riecheggiano del vomito bulimico
A> di chi si rende conto di avere una vita solo quando l'ex compagno di
A> banco scandisce una filastrocca per decidere chi la perderà per primo.

Esatto, mette in scena il vuoto. Non mette in scena niente. "Elephant" non
dice niente, perchè non ha niente da dire. E la tesi "i giovani non hanno
niente da dire, confondono la realtà con i videogiochi, non si interessano a
niente, non hanno emozioni ..." è un tesi un po' troppo semplicistica,
secondo me. E non è vero che nessuno va a lezione: ci vanno tutti, sono
pochi quelli che girano per i corridoi perchè sono tutti in aula,
esattamente come dovrebbe essere.
Elephant fa un misero spaccato di un misero gruppetto di giovani, non
rappresentativo di nulla. Non fornisce un perchè fanno quelle azioni, non
c'è una motivazione e non c'è una conseguenza. Elephant è una fotografia,
bella, se vuoi, ma una fotografia e, come tale, limitato a quello che vede.
Avrebbe potuto scavare nella personalità dei ragazzi, capire cos'è che li ha
portati a fare una strage, sostenere una tesi (sono i videogiochi?, è la
società? sono gli adulti che compaiono solo di sfuggita?), ma non lo fa.
Elephant è un film inutile perchè tutto quello che c'era da dire è già stato
detto da altri meglio e con più forza e non aggiunge niente alla
"discussione".

Spaceodissey

==

"Sì è vero la legge è uguale per tutti ma per me è più uguale che per gli
altri perché mi ha votato la maggioranza degli italiani"
(Berlusconi Silvio, 17/06/2003, dichiarazioni spontanee al tribunale di
Milano)
AlisonPoole
2003-10-06 16:00:26 UTC
Permalink
Post by Spaceodissey - LTT
Elephant è un film inutile perchè tutto quello che c'era da dire è già stato
detto da altri meglio e con più forza e non aggiunge niente alla
"discussione".
Guardiamo con occhi diversi :)
"Plasson>
2003-10-06 16:24:29 UTC
Permalink
Post by Spaceodissey - LTT
Post by Spaceodissey - LTT
ipnotizza mettendo in scena il vuoto, portandoci a spasso in una scuola
dove nessuno va a lezione, i corridoi riecheggiano del vomito bulimico
di chi si rende conto di avere una vita solo quando l'ex compagno di
banco scandisce una filastrocca per decidere chi la perderà per primo.
Esatto, mette in scena il vuoto.
[CUT]
Elephant è un film inutile perchè tutto quello
Post by Spaceodissey - LTT
che c'era da dire è già stato detto da altri meglio e con più forza e non
aggiunge niente alla "discussione".
Leggeri spoilers....






Quello che per te è motivo di critica (il vuoto, il non dare risposte, il
non fornire spiegazioni e tesi, il non approfondire insomma) per me è
proprio ciò che rende grande questo film. Il "non messaggio" in un certo
senso è il messaggio stesso.
Mi spiego peggio: cosa rimane dentro di noi di una tragedia come quella (o
delle mille altre che giungono a noi tramite i media)? Cosa rimane in noi
dopo quel breve momento di indignazione, di incredulità e qualche volta di
commozione che proviamo di fronte al mezzobusto del tg che ci legge la
notizia? Quali interrogativi suscita un fatto di così vaste proporzioni
drammatiche? Il tempo di prendere un caffè, tornare alle faccende quotidiane
e pluff... niente.
Lo stesso niente che Van Sant prova a mettere su pellicola. Nessuna analisi
approfondita sulle cause, solo i meri effetti. Nessun pianto di madre,
nessun artificio per "drammatizzare" i crudi eventi, la fredda narrazione.
In effetti qualche elemento a cui far aggrappare il nostro desiderio di
logicità ce lo fornisce. La mancanza o la povertà di elementi educativi in
primis: in una scuola nella quale passeggiare per i corridoi pare l'attività
principale e nella quale la divisa per fare ginnastica assume un valore
sacro, non c'è tempo per cose pallose come la storia ("..è successo in
Germania vero?"), ma soprattutto indifferenza da parte degli adulti che o
sono ubriachi o non ci sono o pensano solo a punire. L'indifferenza del
preside nei confronti di uno sfigato, l'assenza dei genitori (il ragazzo
apre il frigo di una cucina di una casa deserta, la madre che finito di
preparare colazione se ne va sbattendo la porta, come se l'uomo vivesse di
solo pane ^__^ , il padre ubriaco da tenere d'occhio). Ma sono solo accenni
non indagati, poco espliciti, istantanee sfocate e mal centrate di un
soggetto troppo complesso e articolato. Non c'è l'intenzione di fornire
risposte preconfezionate a domande alle quali quasi mai noi stessi, nella
nostra malcelata indifferenza, cerchiamo di dare risposte.
Solo al cielo pare che importi di ciò che sta per accadere ed allora si
annuvola.
Ma cosa rimane di una nuvola scura dopo che il sole è tornato a splendere?
Niente. Lo stesso niente che alla fine rimane dentro di ognuno di noi; ed il
cielo che per un istante si era annuvolato torna stramaledettamente azzurro.

Boh, per dirla alla Holden (quello giovane) questo film "mi ha lasciato
secco".
--
Plasson
O'blivion
2003-10-06 18:04:53 UTC
Permalink
Post by "Plasson>
Quello che per te è motivo di critica (il vuoto, il non dare risposte, il
non fornire spiegazioni e tesi, il non approfondire insomma) per me è
proprio ciò che rende grande questo film. Il "non messaggio" in un certo
senso è il messaggio stesso.
Sì ma un film di qualcosa però deve pur parlare, non può parlare del
"niente", perchè
se non c'è una storia io mi rompo e se mi rompo il film non può piacermi.

Il "niente" non può essere il soggetto di un film. Io l'intenzione l'ho
capita, e se leggi
il mio post di qualche ora fa lo capisci, però purtroppo il film non
funziona.

ciao
susanna
2003-10-06 21:57:08 UTC
Permalink
Spaceodissey - LTT ha scritto:


<omissis>

: A> Gus Van Sant ipnotizza mettendo in scena l'orrore che
: A> finora solo Bret Easton Ellis aveva saputo raccontare: Gus
: A> Van Sant, che per chi non se n'era accorto è un regista ENORME,
:
: Non me ne ero accorto, e non me ne sono accorto vedendo Elephant.


Vedro' questo Elephant, ma, Space, se non te ne eri accorto malgrado Belli e
dannati (My own private idaho), sei messo male: uno dei piu' grandi film
degli ultimi vent'anni.




susanna
AP
2003-10-07 05:11:46 UTC
Permalink
Post by susanna
Vedro' questo Elephant, ma, Space, se non te ne eri accorto malgrado
Belli e dannati (My own private idaho), sei messo male: uno dei piu'
grandi film degli ultimi vent'anni.
Vero, ma, con rispetto, sembrano due persone diverse.
Il GVS di My Own Private Idaho e Cowgirls e Drugstore Cowboy non e' lo
stesso di quei due brutti film a fotocopia come Finding Forrester e Good
Will Hunting e di quell'altra fetecchiata di Psycho.
Per non dire di quest'ultimo ottundimento cerebrale che e' Elephant.

Se i primi erano intelligenti, vivaci, provocanti, la curva degli ultimi ECG
si abbassa fino a farsi piatta in questo ultimo.
7 righe dritte, questo si vede, e come in un episodio di ER il beep
prolungato della morta clinica.
Al di la' del compiacimento per la propria (poca) tecnica, gia'
fastidiosamente ingombrante in Psycho, e nel tentativo (fallito) di
destrutturare il racconto in 4 parti legati da un unico incrocio, GVS tenta
il Natural Born Killer in versione adolescente e sfrutta il redditizio
aggancio delle stragi nel campus.
Operazione doppiamente ricattatoria.
Portofino's Ben Essere, Beauty Farm Intégreé
2003-10-06 23:34:34 UTC
Permalink
On Mon, 6 Oct 2003 16:43:50 +0200, "Spaceodissey - LTT"
Scusami ma la regia non mi è sembrata niente di che. Piani sequenza lunghissimi,
telecamera che segue i personaggi come, prima, aveva già fatto Kubrick.
Sì, ma c'è tutto un giochino di variazioni di profondità di campo mica
male che movimenta i piani sequenza. E un uso del ralenti che, magari
mi sfugge qualcosa, non avevo mai visto; all'interno, intendo, di
un'inquadratura non al ralenti.
E il fatto di mettere spesso l'azione e i personaggi ai margini del
quadro, come nella bellissima sequenza del campo sportivo con al
centro il vuoto.
Non puoi dire che sia niente de che. E nemmeno che si spippoli
eccessivamente dal punto di vista tecnico-effettistico (ammesso che
sia male).
Ah, dimenticavo i bellissimi giochi di riflessi e i filtri utilizzati,
a sottolineare precisi momenti.
Tra
l'altro quella scena che viene ripetuta 3 volte (i due ragazzi che si
incontrano e si salutano in corridoio) è stata girata 3 volte. Un grande
regista l'avrebbe girata una volta sola: qui non è possibile.
Ehm... presente una certa rissa a un certo bar dell'ippodromo? E poi,
perché?
Van Sant non fa altro che fare una (blanda) critica al modo di vivere americano,
Mah, questo è personale, io proprio non sono riuscito a vedercela. Né
blanda né forte.

Ciao,




adamski
--
"Tits are great!"
(Bob Crane)

www.actuals.supereva.it
Portofino's Ben Essere, Beauty Farm Intégreé
2003-10-06 23:49:33 UTC
Permalink
E poi, come dice Ripley, ma hai notato che il piano sequenza è
utilizzato in maniera totalmente non convenzionale?
Quel che solitamente era un mezzo per sottolineare, con "Elephant" diventa
un mezzo per confondere.
Ora non dico che per forza di cose il piano sequenza serva a
sottolineare, a mettere in risalto. Ma certo mai era stato utilizzato
in questo modo.

Secondo me è un film che segna in tutti i sensi.
Ti fa sentire freddo, ti fa strizzare gli occhi, ti fa sbirciare di
sotto a una porta o al di là di un vetro.

Un fottuto capolavoro.




adamski
--
"Tits are great!"
(Bob Crane)

www.actuals.supereva.it
n3tgan3sh
2003-10-07 07:25:56 UTC
Permalink
Post by Spaceodissey - LTT
Già. Però anche in un videogioco viene dato un motivo per cui si sterminano
"nemici", qui nemmeno quello.
ah beh, ottimo ragionamento :ad esempio in Carmageddon devi investire
passanti a caso.
Il motivo è quello di fare punti :)

AP
2003-10-06 16:15:38 UTC
Permalink
Post by AlisonPoole
Gus Van Sant, che per chi non se
n'era accorto è un regista ENORME, ipnotizza mettendo in scena il vuoto
Tipo quando ti fanno girare una spirale davanti agli occhi?

Elephant e' un film irritante nella sua pochezza e nella sua esibizione e
nella sua superficialita'.

Qual'e' la colpa di queste stragi? I videogiochi e internet?
Da uno che ha 50 anni mi aspettavo qualcosa di meglio...
AlisonPoole
2003-10-06 16:25:12 UTC
Permalink
Post by AP
Post by AlisonPoole
Gus Van Sant, che per chi non se
n'era accorto è un regista ENORME, ipnotizza mettendo in scena il vuoto
Tipo quando ti fanno girare una spirale davanti agli occhi?
Elephant e' un film irritante nella sua pochezza e nella sua esibizione e
nella sua superficialita'.
Qual'e' la colpa di queste stragi? I videogiochi e internet?
Da uno che ha 50 anni mi aspettavo qualcosa di meglio...
Che bello, oggi sembra la sagra.

Uno dice che il film non spiega, l'altro trova le colpe.
AP
2003-10-06 16:25:58 UTC
Permalink
Post by AlisonPoole
Post by AP
Elephant e' un film irritante nella sua pochezza e nella sua esibizione e
nella sua superficialita'.
Qual'e' la colpa di queste stragi? I videogiochi e internet?
Da uno che ha 50 anni mi aspettavo qualcosa di meglio...
Che bello, oggi sembra la sagra.
Uno dice che il film non spiega, l'altro trova le colpe.
Sono entrambi vere.
Victor Ward
2003-10-06 16:29:21 UTC
Permalink
Post by AP
Qual'e' la colpa di queste stragi? I videogiochi e internet?
sicuramente non è questa la risposta di Van Sant.

sicuramente Van Sant non ha un facile colpevole e sicuramente non ce l'ha
in questo film.

perché sicuramente Van Sant sa che cercare un colpevole in qualunque cosa
non capiamo non è il modo migliore di capire le cose.

sicuramente la pensano così tutti quelli che per lavoro studiano questo
tipo di fenomeni, e sicuramente non pensano un granché bene delle persone
che hanno una risposta pronta su cose che loro studiano da una vita.

sicuramente il cinema non serve per cercare le colpe delle cose che
succedono al mondo.

sicuramente è anche per questo che Michael Moore ha fatto un documentario
e non un'opera di fiction.


per il resto, secondo me la colpa è del maggiordomo.
ele
2003-10-06 17:21:35 UTC
Permalink
Post by Victor Ward
Post by AP
Qual'e' la colpa di queste stragi? I videogiochi e internet?
sicuramente non è questa la risposta di Van Sant.
sicuramente Van Sant non ha un facile colpevole e sicuramente non ce l'ha
in questo film.
perché sicuramente Van Sant sa che cercare un colpevole in qualunque cosa
non capiamo non è il modo migliore di capire le cose.
sicuramente la pensano così tutti quelli che per lavoro studiano questo
tipo di fenomeni, e sicuramente non pensano un granché bene delle persone
che hanno una risposta pronta su cose che loro studiano da una vita.
Vieni qua e fatti abbracciare. Finalmente, dopo tanta fatica una
soddisfazione!
Allora vedi che il metodo Ele funziona?
Portofino's Ben Essere, Beauty Farm Intégreé
2003-10-06 23:55:24 UTC
Permalink
Post by ele
Allora vedi che il metodo Ele funziona?
Ched'è? Una cosa tipo ogino-knaus?




adamski
--
"Tits are great!"
(Bob Crane)

www.actuals.supereva.it
O'blivion
2003-10-06 17:59:37 UTC
Permalink
Post by Victor Ward
sicuramente il cinema non serve per cercare le colpe delle cose che
succedono al mondo.
hai sicuramente ragione, ed infatti non condivido la critica di AP.
Il film non funziona perchè non ha nulla da dire secondo me.

Cmq trovati il mio post di qualche ora fa.

ciao
AP
2003-10-06 18:09:03 UTC
Permalink
Post by Victor Ward
Post by AP
Qual'e' la colpa di queste stragi? I videogiochi e internet?
sicuramente non è questa la risposta di Van Sant.
riguardati il film.
Portofino's Ben Essere, Beauty Farm Intégreé
2003-10-06 23:38:03 UTC
Permalink
Post by AP
Post by Victor Ward
Post by AP
Qual'e' la colpa di queste stragi? I videogiochi e internet?
sicuramente non è questa la risposta di Van Sant.
riguardati il film.
Se riguardi il film scopri che la colpa è di Beethoven e
dell'omosessualità. Suvvia!




adamski
--
"Tits are great!"
(Bob Crane)

www.actuals.supereva.it
AP
2003-10-07 05:27:48 UTC
Permalink
Post by Portofino's Ben Essere, Beauty Farm Intégreé
Post by AP
Post by Victor Ward
Post by AP
Qual'e' la colpa di queste stragi? I videogiochi e internet?
sicuramente non è questa la risposta di Van Sant.
riguardati il film.
Se riguardi il film scopri che la colpa è di Beethoven e
dell'omosessualità. Suvvia!
La gente in un film non fa le cose a caso.
I due pischelli che fanno nel tempo libero?
A cosa giocano, questo non lo ricordo, forse Doom, forse Wolfestein e poi
"navigano".
Continua a leggere su narkive:
Loading...